Virate Seppia

A Michael Laudrup, anima pura – Storia incompleta del danese che non volle vincere l’Europeo

Laudrup si raccontava come un ragazzo calmo, a cui piaceva trascorrere le giornate in casa con la sua ragazza, fra un disco di Bob Dylan, un piatto di spaghetti ed un film di Woody Allen. Perché noi danesi non siamo noiosi – diceva – siamo solo più calmi, più riservati. Secondo me Michael tutta questa frenesia legata alla competizione agonistica non l’hai mica mai capita.

 

Breve Elogio del Televideo

La pagina 220 del Televideo è stata per anni l’unica cosa in cui abbia creduto oltre ai cross in corsa di Beckham, al tiro a giro di Del Piero e al fatto che McManaman arrivasse sempre prima degli altri su di una palla lunga.

Quando ero piccolo mi innamoravo di tutto, correvo dietro a Kanu

Ma al Dio della Scala non credere mai. Dopo aver firmato il contratto di compravendita, i medici dell’Inter si accorsero di una grave insufficienza cardiaca. Kanu non può giocare. Niente numero 4 a strisce neroazzurre.

 

El Pitòn en Bicicleta – Il penultimo tango a Parigi di Osvaldo Ardiles

Ho riguardato chissà quante volte quella cassetta, quel gol di Bettega, quei capelli al vento di Kempes, sperando ogni volta che quell’ometto col numero 2 (un centrocampista centrale col numero 2?) inventasse qualcosa, magari facesse un “Ardiles”, che ne so, a Causio, a Bellugi o a Benetti. Niente, i novanta minuti scorrevano sempre uguali. Com’era mai possibile che mio papà mi avesse parlato di quell’Ardiles?

Annunci